Corrispettivi elettronici 

Corrispettivi elettronici: l'aggiornamento della normativa e del software DK

Le ultime disposizioni riguardanti i corrispettivi giornalieri hanno previsto che i soggetti obbligati all'invio telematico, ma ancora sprovvisti dell'apposito registratore, possano trasmettere i dati entro il mese successivo a quello di effettuazione dell'operazione, nelle modalità individuate dal Provvedimento del dell'Agenzia delle Entrate del 4 luglio 2019.

Oltre ai servizi dedicati disponibili nel portale "Fatture e Corrispettivi", uno dei modi consentiti dall'Amministrazione finanziaria per la trasmissione dei corrispettivi giornalieri consiste in una fornitura telematica che, al pari del cosiddetto "esterometro", può essere gestita da un intermediario abilitato.

In questa fase transitoria, che non può eccedere i sei mesi dall'avvio dell'obbligo, il commercialista ha quindi la possibilità – ovvero l'onere, in base a diversi punti di vista e situazioni – di supportare i propri clienti effettuando la comunicazione dei dati dei corrispettivi.

Di conseguenza, per permettere agli studi di gestire l'adempimento il software DATEV KOINOS sarà aggiornato con funzionalità e procedure ad hoc per la generazione del nuovo flusso telematico, elaborando i dati dei corrispettivi presenti nelle registrazioni contabili, e la trasmissione del file al Sistema di Interscambio.

Tutti questi aggiornamenti, come sempre, verranno rilasciati senza costi extra per gli utilizzatori del software DATEV KOINOS.